Lo stile tradizionale del vino, come si faceva una volta.

Se per molti il ​​BIO è una moda, per noi è un credo.

Una giovane azienda che ama la tradizione.

L’Azienda Agricola “Paride D’Angelo” ha sede a Pianella, un territorio incastonato tra Majella, Gran Sasso e Mare Adriatico. Luogo unico e incantevole, esposto completamente a Sud, sempre ben soleggiato dall’alba al tramonto. All’interno dell’Azienda troviamo un colle, situato tra Loreto Aprutino e Pianella, conosciuto come Napoletta, e i suoi abitanti erano soprannominati zanniti (proprio dal nome Sanniti). Attaccati dai romani, i zanniti riuscirono a difendersi tra le alture di Napoletta e la leggenda narra che gli sconfitti furono rimandati a Roma, completamente nudi. Questo fece infuriare la Repubblica, che si organizzò con un esercito meglio equipaggiato e tornò a Napoletta. Lo scontro tra le due fazioni avvenne su un colle adiacente al territorio di Pianella, che prese poi il nome di “Colle degli uomini morti”, dal fatto che i romani riuscirono a vincere la battaglia sterminando una moltitudine di zanniti.

Se per molti il BIO è una moda, per noi è un credo. Cosa significa?

All’interno dell’azienda usiamo solo rame e zolfo per la lotta alla peronospora e all’oidio, in quantità limitate selezionando rami a basso dosaggio con percentuali dal 5% al 7% in momenti non piovosi e con poca umidità e rame al 23% in periodi di pioggia e elevata umidità. Ma soprattutto monitoriamo l’azienda con torrette metereologiche al fine di essere più attenti nei trattamenti.

Per avere una buona efficacia dei prodotti usati e per garantire al grappolo un ottimo aereamento ed esposizione al sole, lavoriamo principalmente manualmente, andando 4 volte durante l’estate in vigna per gli interventi di potatura verde.
Adottiamo la non lavorazione del suolo, utilizzando esclusivamente il trinciaerba in modo da non rompere i capillari nel terreno, ed adoperiamo una concimazione organica naturale sia con sovesci di leguminose ricche di potassio, fosforo e magnesio, che letami naturali selezionati in stalle del nord Italia ricche di azoto.